PASSEGGIATA PE CAVE

Ce si mmai pensato, quante zone tè Cave
dai timpi de 'na vota, quanto n'se useija a chiave
perchè peijo paese, a delinquenza non n'ci steija
al massimo qua cortellata, 'gni tanto ce scappeija

Te tutta 'na montagna, comme pe' protezione
comincinu i confini, aijo Fusso Scalambrone
continua a sinistra, pe' zona Cavallaro
che pe' recaccià a robba, ce va solo o somaro.

Pu pe' ijatro versante, te truvi a Pretarina
però più 'n la n'ce ijne, perchè ve Palestrina.
Allora arescavalla, o fusso e qua burone
jettete tutt'a destra, ca truvi o Pretarone.

Prima che Mario e Siila, ficissiru tanta cagnara
scannènnose comme purci, pe' Valle Pimpinara
virso e Cannetacce, ficiru l'accampata
d'allora elicila zona. Campo v'è chiamata.

T'apperichi a Santa Saijna, attravirsi tutto Spiciano
arucchij peijo Cereto, e continui pe' Tocciano
pu abbaile a Pipirulo, t'affacci n'Cammorella
tra piaije macchie e valli, scupri 'na Cave bella.

Non te fermane a Cruci, ma continua a Casalecchio
de chij bij follacciani, fanne na bijo secchio
pu dopp'a Conuzza, a Madonnella e Cepperano
spostete peddesotto, tra i Piscuri e Cisiano

pù visita Prctarulo, Santupida e Colle aijo Mozzo
e doppo ave visto Pinzi, va ritto a Matteuzzo,
fermete a Colle Pame, e pu a Sambartolomeo
ca dopo e Carpeneta, i Retacci favu corteijo.

Lasciemo stane a Tocc, e le Fontane Azzure,
non pariemo d'acqua bona, che sirve pe Ile cure,
non pariemo manco de Cave, manco deijo Cavisijo
tanto è risaputo, dei dintorni è sempre o mijo.

Tant'atre zone manchimi, da dovè citane,
ce vuru atre paggine pe potelle nominane,
non vuijo fa o saputo, e smetto sta passarella,
però aspetto da tine, 'na storia 'm pò più bella.