NA'NGOLETTO DE CAVE

Tu tÓrecurdi quando i cavisij
ai timpi che niciuno vijageja
a maggior parte gni giorno j vedi)
de ine alla giornata u alla vigna seja

Ci stej'Ó chi possedeja o somaro
qua' fortunato teneja puro o caretto
gia' a bicicletta era ncaso raro
solo, quat¨no teneja a motocicletta

e giovenotte pe potesse a dote fane
alla giornata jnu a lavora'
a nfirza' o tabacco oppure a ramurane
pe tutto o giorno stinu sempre a canta'

pe jumini tutto era pi¨' faticoso
tra zappa e vanga persino cojo betente
solo alla maracalla ci steja riposo
e ajo rologgio nse cce guardeja pignente

Tra Pretarulo o Colle e Cepperano
de Cavisij era tutto nfermento
e i misi scurinu piano piano
e la prescia nn'esisteja pe da tormento

O mijo sporte era o cacciatore
co chjo fucile pareja no regnante
se acchiappeja qua' cosa e lo diceja a tutte l'ore
e nsÓccorgeja ca diventeja seccante

Pu all'osterija n'atro passatimpo
pe na fojetta u a mmora e a passatella
chi ficinu secco no n'era mmai continto
a vete' a conta de beve a carganella

A domenica e gni festa ricordiva
veneja rispettata, co tanta devozione
se jeja a messa ma co na fete viva
e o doppopranzo se jeja alla funzione

E feste dinu sempre l˛ccasione
de ncontrasse tutti assime pella piazza
e circoleja ogni nformazione
e era giorno pe sta colla recazza.