JRI E DOMA'

Se ncuntri qquà anzianotto pella vja
te parla e t'arecorda tante cose
co mpo' de dispiacere e nostalgia
arecconta cose vecchie e favolose.

Te fa sape chello che se ficeja
tant'anni areto a sto paese bijo
ntanto gni mese a firja ci steja
e de jatri paijsi è stato sempre o mijo.

Se festeggeja abballe pejo Rapello
Santa Natuja colla tamburella
jeja de mota a ballane o sardarello
co n'orghenetto a festa era bella

Ci steja a firja pure pe San Gnaco
e ai bardassi j comprinu o ciforetto
pe j filuni se pizzicheja ajo vaco
c'ancora va de mota chisto detto

E mio feste jrinu gni anno
de Sant'Antonio, o Rosario e Sallorinzo,
o Corpus Dommini e a Matonna dejo Campo
Sampitri o Sacrocore mo che ce penso

Pu l'allecria se ficeja a Carnovale
co Ntonio o Niro co mbijo orghenetto
chi se magneja j gnocchi ajo rinale
e chi s'ammaschereja mmoto perfetto.

De cose belle ce ne stinu tante
quanto j partiti non jrinu de mota
e feste che favu mo è cosa ranne
però nsu genuine comme na vota

A chij timpi pe gni cosa ci steja a fete
e l'occasione a sta assime e arecconta
ci steja rispetto pei frati e pejo prete
a religgione steja a centro dello da fa.

Chisto anzianotto continua a sospirane
e pare pure nsacco preoccupato
o monno fatto così no pò durare
e tutto vete brutto e rovinato.

Regna egoismo perchè o tornaconto
è l'unica religgione da pregane
pu sse ppe jatri casca pure o monno
se crete ca solo jsso icco aremane

Conviene a tutti finché attimpo se fane'
d'arepiccà i canistri e cambia vita
colla coscenza apposto mjo se stane
e a gioja ncore pe tutti è garantita.