J TIMPI BIJ

S'arevenesse nonnemo, chisà che diciarja
a vede sto cambiamento, deijo monno e chiccesia:
più gnente pare sano, manco o comportamento
de patri fij e muij, e pure deijo parlamento.

Infatti tutti quanti tivù l'ipertensione
è na malatija nuva, che te manna npensione.
Però manco co cchesta e persone nsu contente,
allora era mijo, quanto se magneija a pulente.

Nonnemo arecconteja che pe potè campane
abbale pell'Americhe, ha dovuto espatrijane:
ha fatto sacrifici e ha tanto lavorato;
in Italia è revenuto e a tera s'è comprato.

Benché teneija i sordi e s'è comprato a tera
ha lavorato sempre e ha fatto puro a guera.
E pu era continto, de quanto Dio manneija,
anzi, a gni raccolta, o Signore ringrazieija.

Mo nvece su tutti ricchi e stau aijo pusto che conta,
però niciuno è felice, mmiso a sta baraonta.
Allora j diciaria: pe sta mpo più continti
circhemo de volecce bene, e mettemo i sintimenti.

Ca puro o Patreterno, ce dà a benedizione
e co mpo' meno capricci, se camperija benone.
Però è necessario, pe allontana ste pene,
che ogn'uno se sforsesse a volè mpo' più de bene.