CHESTA E' CAVE

Castel de Santiquattro na vota se chiameja,
quanto pizzurana e sassi ogn'uno ce caveja,
pe costruì paijsi, pe tutto o circondario:
sta storia no sta scritta manco sopra aijo Breviario.

Pu finarmente o nome, è stato più soave
pe reconosce a zona, l'havu chamata Cave
attorno aji'anno mille, ajio ceppo avu cominciato:
d'allora de cavisiij o monno s'è popolato.

Se guardi da lontano, a Samele u pella Ripa,
viti sta bella Cave, tutta pina de vita:
senza guarda e Tajate, comincenno pe Murino,
tra o Spiciano e San Lorinzo, gni casa e no villino.

Pu ci sta Colle Pame, na zona rinnomata,
fa a festa a Ferracosto, co Ila cannolicchiata.
Pure S. Bartolomeojo ormai è in'espansione:
ariva alle Carpeneta e se ferma a nlimitone.

Cave tene no Rijo, che j serve da cintura,
co tante belle macchie e sorgenti d'acqua pura;
no bijo vintàrjo, che ve dalla montagna,
pe fa sta bene a gente, che sembra na cuccagna.

Te piaije culli e valli e zone pianegginati,
che avu fatto da richiamo pe tanti villeggianti.
Tutto sto verde ngiro, che da tanta freschezza,
pe chi se n'arentenne è solo na ricchezza.

Ma mijo de gni cosa è ancora o Cavisijo
tè ncore generoso, dei d'intorni è sempre o mijo.
Chi vo campa cent'anni icco ce trova a chiave:
basta cambia paese e ve abbità pe Ccave.