A PASSEGGIATA

Ai timpi de na vota pella Cona
a spasso se ne jnu tutti quanti:
tutti jrinu vestiti mpo alla bona,
a repensacce jrinu propio tanti.

Cirti arivino abbaile ajo ponte
e cirti jnu fino alla stazione;
però a maggior parte ijeja alla fonte
pe fasse na bevuta d'acqua bona.

Pu doppo chiacchierate a non fenine
da Maggistri se comprimi no gelato.
Tra chij pettecolezzi senza fine
più d'uno a turto veneija mormorato.

I giovenotti ijnu colla recazza,
ma guaj se Ila pijnu sotto braccetto,
perché passinu subbito pe brutta razza
e ficinu fatica pe dasse no bacétto.

Paricchi jnu aijo bosco communale
e tanti jnu fino abballe ajo Rijo.
Niciuno s'azzardeija a fa de male,
anzi, ficinu a gara pe esse mijo.

J'ummini se ne jnu alla fraschetta
e comincinu a fa alla passatella;
cirti se contentinu de na foijetta
e i sicchi s'attacchinu alla fontanella.

Chesta era mpo a vita domenicale,
che passeija na bona parte de Cavisij;
a passa o timpo, alla piazza era normale,
a repenzacce, jrinu timpi bij.

Ognuno se contenteija de chello puco
che a providenza manneija, senza pretese:
se pure ai cazzuni ci steja qquà buco
e la ciccia s'assaijeja manco gni mese

S'arispetteija o vicchio e jo patrone
e sse pregheija Dio co devozione;
gni tanto se diceija tanto razione,
e era ncredo vero e no' finzione.

Mo cheste cose su tutte già scordate
da chi sé fatto ranne tra sta storia;
se vergogna pure se vivu arreccontate,
però sarija de scrivece na memoria.