A GIOIA 'N CORE

Non se vedeija l'ora ch'arivesse Natale
pe magnasse o pampapato e le frittelle ajo piatt'ovale
pastasciutta e carne bona, compreso o vino mijo
ch'era pelle feste da parte a n'caratijo.
 

Se jeja alle Novene e se pregheja tanto
perche' Natale, pe tutti, era 'ngiorno Santo
se ficinu j'auguri a parimi e a 'gni persona
se jeja a fai a casa oppure pella Cona.
 

A gente era contenta de chisto avenimento
e se senteja sta festa pe tutto o firmamento
e pure i poveracci pe chesta occasione
cantinu gioisamente e recitimi o Sermone.
 

Chi poteja ficeija de bene, e vecino ajo cammino
aspetteja che dentro ajo core nascesse Gesù' Bambino
e pella via vedij a gente tanto cordiale
co tanta gioia ajo core te diceja "Buon Natale"
 

Mo tutti su più' ricchi a niciuno manca gnente
e non pinsinu più' alle feste ma ai sordi solamente
pò venine Pasqua l'Immacolata e pu Natale
de ste giornate Sante gnente più' ormai vale
 

Se pensa solo ai sordi e ajo divertimento
non sirvinu più' j'amici e 'n'se pensa a chi e' 'ntormento
e' festa tutti i giorni, ma è solo 'n carnovale
ma beato chi te 'n core a gioia de Natale